La storia di Albion

STORIA

La storia di Albion è colma di eroi leggendari e temibili creature, paci sofferte e feroci battaglie, avventure intrepide e sconsiderati sacrifici. Sono questi conflitti che hanno definito Albion come la conosciamo oggigiorno.

article headline image

1800 ANNI FA

Albion è governata da temibili draghi. All'ombra di queste creature tiranniche, i primi umani cominciano ad armonizzarsi con la magia che permea il territorio, diventando druidi. Stringono un patto con i giganti di Albion e le varie tribù dell'umanità iniziano a prosperare. Unendo le forze, i campioni dei giganti e i primi druidi elaborano un formidabile incantesimo che costringe i draghi in un lungo sonno. Le ferite di Albion possono guarire, mentre gli umani e i giganti, allo scopo di sorvegliare i luoghi di riposo dei draghi, fondano i Custodi di Albion.

1600 ANNI FA

Uno dei druidi dimostra capacità fuori dal comune. Alcuni dicono che abbia spiato i sogni dei draghi per carpirne i segreti, mentre altri sostengono che sia entrato in contatto con altre creature, esseri che abitano le viscere della terra. Il suo nome è Merlino e ha il sogno di unire tutte le tribù. Il suo messaggio è semplice: un giorno i draghi si risveglieranno e quel giorno il mondo dovrà essere pronto. Albion non dovrà mai più cadere sotto il dominio dei draghi.

1500 ANNI FA

Sebbene i druidi non approvino Merlino, non lo osteggiano neanche e per questo egli può cominciare a unire le tribù sotto un unico leader. Invoca l'aiuto della strega Morgana, la quale forgia la formidabile Excalibur, un'arma così potente che fa di chiunque la brandisca il re di Albion. È la prima volta che il metallo viene estratto e forgiato ad Albion e ciò fa di Excalibur la prima spada, figlia dell'acciaio e della magia. Merlino è ignaro che siano stati i demoni ad aver fornito a Morgana i segreti per forgiarla, contattandola dall'altra parte del vuoto.

1300 ANNI FA

Un grande drago rosso, Dauthir, si risveglia dal sonno e, ruggendo, esorta i draghi nelle vicinanze a fare altrettanto. Re Uther conduce i suoi cavalieri in battaglia, assistito da Morgana e Merlino. Si scatena un'epica battaglia e il cielo di Albion si tinge di nero per tre giorni. Quando la luce del sole riesce nuovamente a filtrare, Dauthir e i draghi minori che ha ridestato sono sconfitti, mentre gli altri draghi continuano a dormire indisturbati. La salvezza di Albion, però, ha un caro prezzo: per infliggere il colpo di grazia, Uther si è sacrificato, morendo senza un erede legittimo.

E così, Merlino comincia a vagare in cerca di un discendente illegittimo, mentre Morgana propone il suo stesso figlio, ma infine i due non riescono ad accordarsi su un candidato. Merlino ruba Excalibur e la consegna al suo favorito, Artù, dichiarandolo sovrano di Albion. Furiosi per il tradimento, Morgana e i suoi seguaci insorgono e ad Albion scoppia la prima, e più sanguinosa, guerra civile.

1280 ANNI FA

Sentendo che il conflitto sta raggiungendo uno stallo, Merlino si reca dai Custodi di Albion per mostrare loro la devastazione che la guerra sta portando. Celando la sua parte di colpa, li convince che Morgana è la più grande minaccia che Albion abbia affrontato sin dal tempo dei draghi e ottiene così la loro alleanza.

Morgana e le sue forze si ritrovano costrette alla ritirata, ma lei, troppo orgogliosa per accettare la sconfitta, usa la magia nera per invocare aiuto. I demoni rispondono alla sua richiesta, ma in cambio vogliono poter accedere al mondo dei mortali. Morgana accetta e spalanca un varco per l'inferno. Con l'arrivo di questi demoni, la guerra torna a infuriare.

1260 ANNI FA

Dopo anni di guerra, Merlino si rende conto che nessuna delle due parti ha la vittoria in pugno e che Albion sarà presto distrutta, se i demoni continueranno a sciamare. Così, mentre Artù e i suoi cavalieri marciano verso lo scontro finale, Merlino convince i suoi apprendisti a compiere un potente rito capace di ripristinare la pace. Non rivela che comporterà anche la loro morte.

Nella fase più concitata della battaglia, il rito ha inizio. Merlino impugna Excalibur e la frantuma in mille pezzi. L'esplosione che ne consegue uccide buona parte dei cavalieri di entrambi gli schieramenti e ricaccia i demoni dall'altra parte del vuoto, che trascinano con loro una Morgana urlante.

Merlino si volatilizza, i giganti più antichi ritornano alla terra e l'intera Albion viene ammantata da una coltre di nebbia che la nasconde al resto del mondo.

20 ANNI FA

Dopo molti secoli, cominciano a dissolversi le nebbie che ammantano Albion, che viene presto riscoperta da un gruppo di esploratori. Informano subito il loro sovrano, aldilà del mare. Questi fa inviare una spedizione verso Albion, composta perlopiù da criminali e nemici del trono, che iniziano a costruire rudimentali insediamenti.

Albion si dimostra impietosa verso i nuovi arrivati. Molti muoiono, uccisi da volpi, lupi e giganti affamati e tra i restanti sopravvissuti, ben presto scoppiano lotte intestine. Alcuni vengono reclutati dai Discepoli di Morgana. Imparano, in forma semplificata, gli incantesimi e i mestieri delle altre fazioni, ma lo scarso controllo che hanno della magia li conduce lentamente alla pazzia. Una sera il capo della colonia si allontana dicendo di "aver sentito delle voci". Quando torna, è un uomo diverso e dichiara di essere un "dissidente". Dopo poco tempo, si perdono tutti i contatti con le nuove colonie.

ULTIMI ANNI

Il Re invia un grosso contingente delle forze di spedizione reali per stabilire una testa di ponte su Albion. Si insediano in una porzione di territorio piuttosto vasta. Essa non è propriamente sicura, ma le forze reali fanno del loro meglio per pattugliarla e imporvi la legge del Re. In breve tempo le colonie vengono ritenute abbastanza sicure per i civili e il Re comincia a concedere autorizzazioni per raggiungere Albion e cercare fortuna.